ANNALISA SILINGARDI

ANNALISA SILINGARDI ARTIST AND POETHESS

lunedì 27 giugno 2011

,,,aCharlie





Di struggimento e lamine
Cammini i tasti
A rompere sconosciute difese

In punta di dita
Sollevi il guscio scomodo
Lasciando  strascichi

Insondabili punti di domanda
A inchiostro nero
Essenziale si appoggia il diesis

A cucire ogni spaccatura
Senza consumare parole
Con leggeri e cangianti suoni

Il giocoliere
Regge leggiadri mappamondi
Non so dire

Pare
Che tanta leggerezza
Abbia spiccato il volo.


,,,siviaggiare








Senza luogo
Così lontano da levare peso
Un sorriso al disordine in fondo
Ecco la marea a schiaffo nel cuore

Come ombre azzurroro
Come correre il tempo
A dondolio di onda
Scompostamente

La voce del mare indago
In lei e’ specchio l’inquietudine
La polveriera in petto
Sottosopra a  legare l’immenso.


domenica 12 giugno 2011

,,,ioelei




Lei

Lascia le briglia
È bagno di calce viva
La condizione dell’abbandono

Io

No non mi bastona il tempo
E quella crepa è viva 
Di sangue e nuovo splendore

Lei

Vieni su questa spianata di vuoto
Di tregua perenne
Stai buona sulla panchina

Io

Io non so stare dentro
Questa taglia stretta
Ho le ali intrecciate
D’inquieta allegria
So fare sgambetto
Ai buffoni cuciti

Lei

Consegnati
Alle leggi sottostanti
Sotto-stanti
E’ fossa
Di marionette e saltimbanchi
Consegnati alla regia dei fili

Io

Non so che farmene
Di questa normalità domestica
Addomesticata
So soccorrermi con spensierati incendi
Sollevata
Ho la spina dorsale
Con piccole ali
So fare decollo senza istruzioni.






,,ilmovimentodellacqua







Dammi il movimento dell’acqua
Che recide i legami
Ascolta la voce
Canta sulla bocca della fontana
E non fa differenze

Dammi lo specchio
Che affoga nel cielo
Un bere sontuoso
Che slaccia la gola
Il magone


Solleva e dondola
Accoglie
 Raccoglie in calice
Le mie lontananze
E spara d’azzurro.